BENVENUTI NEL SITO
DELL' APRI ONLUS
ASSOCIAZIONE PRO RETINOPATICI
E IPOVEDENTI


APRI ONLUS ASSOCIAZIONE PRO RETINOPRATICI E IPOVEDENTI
BENVENUTI NEL SITO DELL' APRI ONLUS
ASSOCIAZIONE
PRO RETINOPATICI E IPOVEDENTI


telefono 011 664 86 36 - email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
   
 
 

RIABILITAZIONE VISIVA: COMUNICATO CONGIUNTO APRI-UICI

Giovedì 14 aprile è stato diffuso, agli organi di informazione, un comunicato stampa congiunto fra la nostra associazione e la sezione regionale piemontese dell'Unione Italiana Ciechi e Ipovedenti. Un avvenimento molto raro che testimonia comunque come sia possibile una collaborazione tra le due realtà quando i problemi della categoria impongono di mettere da parte rivalità e concorrenza.

L'argomento, davvero molto delicato, è oggi rappresentato dal futuro incerto dei Centri di Riabilitazione Visiva. Le due organizzazioni hanno inoltre chiesto, sempre insieme, un appuntamento al governatore del Piemonte Alberto Cirio. Forse il meccanismo di collaborazione presenta ancora qualche sfasatura e incomprensione ma pensiamo che la strada, almeno sulle questioni cruciali, sia irreversibilmente segnata. Una prova tangibile di questo nuovo clima di reciproca fiducia si è verificata durante il tavolo di concertazione del 15 aprile con l'assessore regionale Maurizio Marrone. L'assessore avrebbe voluto affrontare subito il tema delicato della riabilitazione visiva ma noi abbiamo chiesto un breve rinvio onde consentire anche a UICI di poter presenziare. Riportiamo dunque, qui di seguito, il testo del comunicato stampa:

UICI e APRI denunciano: “A rischio i servizi per i disabili visivi”.
Una nuova ripartizione dei fondi mette in pericolo i Centri di Riabilitazione. Chiesto un incontro alla Regione

“Siamo seriamente preoccupati per le tante persone con disabilità visiva che risiedono in Piemonte e che rischiano di rimanere senza servizi di riabilitazione. La ripartizione dei fondi destinati ai centri di riabilitazione visiva decisa dalla Regione potrebbe comportare una sensibile contrazione delle risorse economiche”. Lo affermano il presidente UICI (Unione Italiana dei Ciechi e degli Ipovedenti) del Piemonte Franco Lepore e il presidente APRI (Associazione Pro Retinopatici e Ipovedenti) Marco Bongi.
Nei mesi scorsi, la Regione Piemonte ha deciso che gli stanziamenti destinati ai Centri di Riabilitazione Visiva per le attività relative al progetto di prevenzione della cecità e per la riabilitazione visiva nell'ambito della Legge n. 284/1997 dovranno confluire nella quota di fondo sanitario indistinta che annualmente la Regione assegna al Servizio Sanitario Regionale.
“In altri termini – spiegano Lepore e Bongi - non essendoci più fondi specifici per le attività dei centri, ogni Azienda Sanitaria Locale, in modo del tutto discrezionale e in base alle proprie esigenze di bilancio, potrà decidere di risparmiare sulla riabilitazione visiva. Una diminuzione dei finanziamenti destinati ai CRV ci costringerebbe, nostro malgrado, a rivedere i contratti in essere con i professionisti e i collaboratori che ci seguono, con grave danno per i tanti ciechi e ipovedenti piemontesi”.
UICI e APRI gestiscono da anni diversi centri di riabilitazione visiva del territorio, in collaborazione con le ASL. I servizi erogati dalle strutture mirano a preservare le potenzialità visive residue delle persone ipovedenti e a far acquisire strategie e abilità alle persone cieche, favorendone l’autonomia e le capacità di movimento e migliorandone il benessere psicofisico e la qualità della vita.
“Nelle scorse settimane - proseguono Lepore e Bongi - abbiamo chiesto più volte un incontro all'Assessore Icardi al fine di ottenere maggiori chiarimenti, ma ad oggi non abbiamo avuto nessuna risposta. Crediamo che la nuova ripartizione delle risorse dovesse essere prima discussa con gli interessati ovvero con le nostre associazioni, in linea con i principi della co-programmazione e della co-progettazione. Purtroppo, nessuno ha chiesto il nostro parere. Abbiamo l'assoluta necessità di ottenere chiarimenti e certezze da parte della Regione Piemonte in merito al mantenimento dei percorsi di riabilitazione visiva. Abbiamo il fondato timore - proseguono - che la nuova modalità di ripartizione dei fondi possa compromettere le attività a favore dei disabili visivi. Chiediamo pertanto l'immediato ripristino del capitolo specifico di finanziamento dei Centri di Riabilitazione Visiva che ovviamente dovrà essere ricostituito annualmente. La preziosa attività dei centri va rafforzata, è urgente una profonda riflessione in ordine alla gestione e all'operatività delle strutture al fine di garantire uniformità e capillarità di prestazioni sull’intero territorio piemontese”.
In queste ore, anche i presidenti regionali di FAND (Federazione tra le Associazioni Nazionali delle persone con Disabilità) e FISH (Federazione italiana per il Superamento dell’Handicap) si sono uniti alle preoccupazioni di UICI e APRI, condividendo i timori delle due associazioni ed esortando un intervento risolutivo della Regione Piemonte per far definitivamente chiarezza sul finanziamento, sulla gestione e sull'operatività dei Centri di Riabilitazione Visiva. “In un momento storico particolarmente delicato come quello attuale - concludono Lepore e Bongi - i ciechi e gli ipovedenti piemontesi hanno bisogno di certezze in merito a servizi che possono migliorare la loro autonomia e la loro inclusione nella società”.