BENVENUTI NEL SITO
DELL' APRI ONLUS
ASSOCIAZIONE PRO RETINOPATICI
E IPOVEDENTI


APRI ONLUS ASSOCIAZIONE PRO RETINOPRATICI E IPOVEDENTI
BENVENUTI NEL SITO DELL' APRI ONLUS
ASSOCIAZIONE
PRO RETINOPATICI E IPOVEDENTI


telefono 011 664 86 36 - email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
   
 
 

EDITORIALE: UN ANNO PIENO DI SODDISFAZIONI

Per la nostra associazione tuttavia questo 2021 può essere considerato, a pieno titolo, un anno positivo sotto diversi aspetti: L'inaugurazione della Scuola Cani Guida di Busto Arsizio, l'ottima riuscita del convegno scientifico di aprile, il rafforzamento, nel mese di giugno, della collaborazione con l'Ospedale Oftalmico di Torino, gli sviluppi positivi della partnership con l'ente formativo IERFOP, l'approvazione di quattro importanti progetti da fondazioni ed enti locali e, non ultimo, l'arrivo di un maggior numero di donazioni. Sul piano infrastrutturale siamo poi riusciti a concludere con successo la migrazione delle e-mail su un server più sicuro ed abbiamo completamente rinnovato la cablatura della sede centrale, compreso il rinnovo del centralino telefonico.
Ma le soddisfazioni più grandi, non posso non ammetterlo, sono quelle vissute sul piano umano. Recentemente infatti, ho sentito con le mie orecchie, due socie, una giovanissima e una anziana, proferire le medesime parole nel momento in cui le incontravo nel corridoio della sede centrale: "Quando arrivo qui sono contenta e mi sento bene". Un'altra amica, inoltre, venuta a trovarci da fuori regione, ci ha ripetuto più volte durante l'incontro: "Ho frequentato diverse associazioni ma voi avete indubbiamente una marcia in più. Lo si percepisce anche seguendovi da lontano". Un giovane ingegnere vedente ci aveva contattato per ottenere informazioni generali sull'alfabeto Braille. Dopo mezzora di colloquio usciva sorridente con una tavoletta sottobraccio e felice per essere riuscito subito a scrivere da solo il proprio nome. E non parliamo delle numerosissime testimonianze rilasciateci dai cosiddetti "messi alla prova". Molti di loro restano legati all'associazione e non ci lasciano anche dopo l'espletamento del servizio. Tutto ciò deve davvero renderci fieri di chi siamo, di cosa riusciamo a fare e della struttura che tutti insieme abbiamo messo in piedi. Siamo una comunità viva, che cresce costantemente, orgogliosa delle sue specificità e portatrice di un proprio stile inconfondibile.
Ricordiamocelo sempre anche quando, inevitabilmente, arriverà qualche periodo di crisi!

Marco Bongi