Benvenuto nel sito ufficiale dell'Associazione Pro Retinopatici ed Ipovedenti

vademecum

ANCORA INCOMPRENSIONI SUI CANI GUIDA

Riportiamo, qui di seguito, la lettera inviata ai giornali locali da Renata Sorba, presidente provinciale di APRI-Asti. Ancora una volta dobbiamo purtroppo registrare comportamenti di cattivo gusto nei confronti di una persona non vedente accompagnata dal proprio cane guida. Lo spiacevole episodio si è verificato al Santuario di Crea in provincia di Alessandria. Ricordiamo comunque che, per quanto riguarda specificamente la presenza degli animali di assistenza nelle Chiese Cattoliche abbiamo già ottenuto un autorevole parere teologico che qui ricordiamo ( vedi newsletter del 13 gennaio 2019 ). Ecco allora la lettera integrale scritta da Renata Sorba:

Per anni sono stata un’assidua frequentatrice del Santuario di Crea, ho portato anche il mio primo cane guida Rudy e non avevo mai avuto alcun problema ad accedere in Chiesa.
Domenica scorsa con l’occasione di accompagnare alcuni amici per far conoscere la località, ho deciso di portare anche York con me. Dopo aver visitato il parco naturale e tutto ciò che circonda il Santuario abbiamo deciso di fermarci ad assistere alla Santa Messa delle ore 11. York era sdraiato accanto a me come è di solito fare quando si trova ad accompagnarmi in queste occasioni.
Un signore, addetto alla raccolta della elemosina, proprio mentre mi accingevo a fare la mia offerta, mi ha invitata a portare fuori il cane.
L’amica che sedeva accanto a me ha cercato con bel garbo di spiegargli che York era un cane guida e che io ero una non vedente. A nulla sono valse le spiegazioni dell’amica, il signore in questione ha continuato ad insistere in tono autoritario e se non avessi eseguito il suo ordine avrebbe chiamato i Carabinieri.
Mentre mi parlava ha continuato la sua raccolta e tutte le persone che erano sedute intorno a noi hanno cominciato a reagire dandogli del maleducato.
Nonostante la cosa mi avesse turbata e rattrista di colpo ho continuato imperterrita ad ascoltare la Santa Messa.
Nel momento in cui dovevo alzarmi per avviarmi verso la “Comunione”, ho chiesto all’amica di accompagnarmi anche in presenza di York. Ho voluto che il cane guida fosse al mio fianco durante questo particolare momento. Tutto è avvenuto con molta tranquillità e senza alcuna protesta da parte del parroco che ha eseguito la celebrazione e siamo state fino alla fine della Santa Messa. Il signore in questione non lo abbiamo più visto e trovato nei dintorni.
All’uscita della Chiesa, tanti che avevano assistito alla spiacevole scena, si sono avvicinati a me e a York per mostrarci la loro solidarietà e sdegno per ciò che era accaduto.
Credo che sia un episodio da raccontare e far conoscere a tutti: invitare una disabile con cane guida ad uscire durante una cerimonia così importante e di preghiera è stato come procurare un terremoto improvviso in un villaggio di notte.
Ormai sono abituata a questi episodi ma ogni volta rimango sempre più incredula e non riesco mai a darmi una spiegazione.
Fuori dalla porta del Santuario c’è un cartello “Vietato l’ingresso agli animali”, ma per tutti i cani guida, come York, il loro accesso è scontato.
L’ignoranza e la non conoscenza del suo operato e della sua esistenza procura questi atti così mortificanti e di grande umiliazione per chi li subisce. Per fortuna la fede e il “credo” mi aiutano a superare e a liberarmi di spettri e pensieri negativi che potrebbero compromettere la mia esistenza.
Un grazie a tutte quelle persone che hanno con molta eleganza e sinergia reagito e preso le parti di me e del mio meraviglioso amico a quattro zampe.
Quel signore che ho saputo è un volontario, che ogni domenica si presta per dare una mano alla comunità, vorrei semplicemente dirgli che non è quello il modo per accogliere chiunque si reca in un Santuario dove vorrebbe trovare almeno per un momento un po’ di serenità e pace.