Benvenuto nel sito ufficiale dell'Associazione Pro Retinopatici ed Ipovedenti

Un nuovo studio sulla retinite pigmentosa

L'azienda farmaceutica canadese  QLT  Inc ha annunciato, il 1 marzo, i risultati preliminari, giudicati positivamente,  del suo studio internazionale multicentrico fase 1b della sperimentazione clinica di una nuova sostanza, denominata QLT091001,  per il trattamento della Retinite Pigmentosa  causata da mutazioni genetiche ereditarie di proteine dell’epitelio pigmentato retinico  (RPE65) o lecitina retinolo aciltransferasi (LRAT). Lo studio di fase 1b ha mostrato cambiamenti rapidi, statisticamente significativi e clinicamente rilevanti sia nel campo visivo, come pure alcuni miglioramenti dell'acuità visiva . Lo studio ha coinvolto 17 soggetti con RP. Inoltre, piccoli sottoinsiemi di persone con RP sono stati studiati, per quanto concerne effetti secondari della malattia, su altri parametri chiave della visione influenzati da RP, come ad esempio la diminuita sensibilità della retina. Anche i dati disponibili per questi sottoinsiemi hanno mostrato aumenti notevoli e promettenti nei livelli di sensibilità media.