LE PAVILLON BLANC INAUGURA IL SUO SITO

La biblioteca camerunese "Le Pavillon Blanc", costituita grazie anche al supporto della nostra associazione, ha recentemente aperto un proprio sito internet attraverso il quale intende informare gli utenti e i benefattori sulle attività della struttura. Il sito contiene altresì notizie ed informazioni scientifiche sull'albinismo e sulle iniziative internazionali riguardanti questa patologia. Attualmente sono stati inseriti articoli in francese e inglese ma, a breve, vi compariranno anche resoconti in italiano. Ci complimentiamo ovviamente con i responsabili della biblioteca ed invitiamo i nostri lettori a visitare il sito: www.lepavillonblanc.org

Darkevents: due appuntamenti estivi

Anche se la rassegna "Darkevents" risulta ufficialmente sospesa per il periodo estivo, alcune nostre delegazioni zonali hanno espresso il desiderio di organizzare autonomamente due cene al buio nel mese di luglio. La prima è programmata a Rivara mercoledì 17 luglio, alle ore 20, presso il Ristorante del Circolo "Amici del Mulino". Il prezzo è stato fissato in euro 25. Per informazioni e prenotazioni si può scrivere alla delegata per l'Alto Canavese: rivara@ipovedenti.it

Il secondo appuntamento, fortemente voluto dagli allievi del corso di cucina attivo presso il C.R.V. di Ivrea, si svolgerà nella serata di venerdì 19 luglio presso il "Tasceri Cafè" di Campiglia Soana. Nell'occasione dunque opereranno sia camerieri che cuochi disabili visivi. La quota di partecipazione è di 20 euro. Per informazioni e prenotazioni telefonare al numero: 346 - 21.49.930.

Africa: approvato un progetto APRI

Con estremo piacere abbiamo appreso che la Fondazione "VII Novembre", benemerita istituzione filantropica canavesana, ha accettato di finanziare un progetto, elaborato dalla nostra associazione, per la realizzazione di una Biblioteca accessibile a favore degli albini del Camerun. Nei prossimi mesi avvieremo dunque le attività che culmineranno con una missione prevista per il mese di ottobre. Ringraziamo sentitamente la Fondazione per la fiducia in noi riposta e la volontaria Ilaria Benini che si è attivamente impegnata in questa iniziativa.

Darkevents: ecco il servizio di Quartarete-tv

L'emittente regionale "Quartarete TV" ha reso disponibile il servizio, trasmesso martedì 3 maggio scorso, sulle cene al buio organizzate dalla nostra associazione. Sono intervistati Marco Bongi e la dott. Sonia Allegro, responsabile del progetto "Darkevents". Ringraziamo sentitamente il giornalista Cristiano Tassinari per la sensibilità dimostrata. GUARDA IL VIDEO

Traversella: convegno e cena al buio

Si concluderà ufficialmente venerdì 28 settembre, con un convegno finale e l'ultima cena al buio, il progetto sull'accessibilità turistica delle valli torinesi "Piemonte sei a casa: una regione vista e visitata da tutti". Le manifestazioni si svolgeranno entrambe a Traversella, in Val Chiusella. Alle ore 16, presso la Casa del Tempo, verranno presentati i materiali realizzati e preannunciate le distribuzioni nelle sei Comunità Montane che hanno aderito alla nostra iniziativa. Seguirà la sesta cena al buio, alle ore 20, presso le casette dei minatori di località Ponte Folle. Siamo molto contenti di essere riusciti a portare in fondo il progetto con successo, nonostante le lentezze della burocrazia e del versamento dei contributi regionali. Ringraziamo dunque sentitamente tutti coloro che si sono adoperati per la buona riuscita dell'impresa e, in particolare, la dott. Sonia Allegro che ha sempre creduto nella possibilità di farcela e si è impegnata davvero moltissimo in questo lavoro. Speriamo dunque che le fatiche profuse possano essere di aiuto a tutti quei disabili visivi interessati a visitare le nostre montagne.

Ivrea: presentato il progetto "Libri nel cassetto"

Ad ideale continuazione del precedente "Libri dal Carcere", la nostra associazione ha recentemente proposto un nuovo interessante progetto che intende valorizzare le potenzialità tecniche insite nella stamperia Braille realizzata all'interno della Casa Circondariale eporediese. La nostra intenzione è ora quella di entrare realmente nell'ambito della produzione e della commercializzazione dei libri tattili. L'A.P.R.I.-onlus, che è stata scelta come capo-fila del progetto, coordinerà la rete dei partner che comprende la stessa Casa Circondariale, la ASL TO-4, la Biblioteca Civica di Ivrea, l'Associazione Volontari Carcerari e la Fondazione Ruffini. In questi mesi intanto i detenuti si sono applicati a conoscere bene le attrezzature, la scrittura Braille ed alcune nozioni di impresa sociale. Buona parte di loro si stanno entusiasmando al progetto nel quale vedono un'importante opportunità di riscatto morale.  Speriamo dunque che anche questa nuova iniziativa possa andare in porto.

Pietro Paleocapa ha di nuovo il suo bastone

Davvero suggestiva la cerimonia di restituzione del bastone bianco al monumento a Pietro Paleocapa, nell'omonima piazza di Torino. L'iniziativa si è svolta nel pomeriggio di martedì 21 febbraio, Giornata Nazionale del Braille. Ogni cosa è stata curata nei minimi particolari e, pur nella semplicità dell'evento, l'insieme ha lasciato in tutti un senso di  legittima fierezza per l'opera di restauro compiuta dalla nostra associazione. I vigili urbani in alta uniforme hanno montato la guardia al monumento, la banda della Polizia Municipale ha suonato l'Inno Nazionale, la bandiera, che ricopriva il bastone, è stata tolta, sia pur con qualche difficoltà, tra gli applausi del folto pubblico accorso. Non sono mancati i ringraziamenti ed i riconoscimenti per la nostra associazione. Momenti magici insomma ed una pubblica testimonianza di amore per la cultura e per la storia della città a cui, come sottolineato da vari interventi, i non vedenti non sono mai stati estranei nel corso dei secoli. Quando il presidente Marco Bongi, insieme all'assessore Elide Tisi, ha scoperto il nuovo manufatto, un grande applauso ha sottolineato l'evento. C'è voluto anzi, quasi a sottolineare l'importanza del bastone bianco, anche l'aiuto di un bastone autentico per disimpigliare il drappo dalla mano protesa della scultura. Tutto molto bello dunque, tutto assai suggestivo! Vorremmo, a conclusione di questo percorso, ringraziare tutti coloro che, nonostante la giornata feriale e l'orario lavorativo, hanno voluto e potuto partec... Leggi tutto l'articolo: Pietro Paleocapa ha di nuovo il suo bastone

... Leggi tutto l'articolo: Pietro Paleocapa ha di nuovo il suo bastone

Pietro Paleocapa riavrà il suo bastone

Annunciamo con piacere che, dopo lunghi anni di denuncie ed articoli sui giornali, la nostra associazione ha deciso di provvedere in proprio al restauro del monumento a Pietro Paleocapa (1788 - 1869) , insigne statista risorgimentale che dovette purtroppo convivere con la cecità per gran parte della sua vita. La statua che lo raffigura, posta al centro dell'omonima piazza vicino a Porta Nuova, ritrae il ministro seduto ed appoggiato ad un bastone da non vedente che i vandali però distrussero pare intorno agli anni '50. L'A.P.R.I., dopo aver ottenuto i necessari permessi dalla Sovrintendenza ai beni culturali, ha fatto realizzare, a proprie spese, il bastone che verrà ufficialmente restituito alla scultura martedì 21 febbraio alle ore 15 con una cerimonia alla presenza delle autorità cittadine. Si tratta di un'iniziativa che dovrebbe avere un notevole impatto mediatico e vi preghiamo dunque di fare il possibile per divulgare la notizia e per partecipare con amici e famigliari. Il 21 febbraio, fra l'altro, è la Giornata Nazionale del Braille. La data non è stata scelta a caso e si presta per attività che possano contribuire a far meglio conoscere i nostri problemi. .

Torino: motore di ricerca

La nostra associazione è stata presente, con un proprio punto informativo, alla presentazione del progetto "Motore di Ricerca" che la Città di Torino finanzia allo scopo di promuovere le attività di volontariato sul territorio comunale. L'iniziativa si è svolta nel pomeriggio di domenica 5 dicembre in via Montebello davanti alla Mole Antonelliana.

Ricordiamo che l'A.P.R.I. partecipa a Motore di Ricerca con il suo progetto laboratoriale denominato "Sperimentare a sensi pieni".