OCCHI APERTI: IN ARRIVO IL NUMERO VENTISETTE

Nei primi giorni di agosto è stato postalizzato il n. 27 della nostra rivista ufficiale "Occhi Aperti". Da questa uscita la capo-redattrice Debora Bocchiardo assumerà anche il ruolo di direttrice responsabile. Segnaliamo alcuni articoli di particolare interesse: la seconda parte dell'articolo scientifico scritto dal dott. Andrea Grosso ed altri colleghi, l'intervista al prof. Luigi Bauchiero, il dibattito sull'attualità del metodo Braille, gli interventi culturali su Juanita Arizona Vrades e sul quadro "Il vecchio chitarrista cieco" di Pablo Picasso, la prima parte dello studio "La cecità nella poesia di Giovanni Pascoli", la nuova rubrica "La matita del cuore" di Francesca Berardi.
Chi non dovesse ricevere il giornale entro la prima metà di settembre potrà richiederne una copia telefonando alla sede centrale o alle sezioni decentrate del sodalizio. Il PDF è comunque già scaricabile dal nostro sito internet www.ipovedenti.it

OCCHI APERTI n. 27 - In questo numero:

- Quale futuro per l'oftalmologia piemontese? (Editoriale di Marco Bongi)

- Patologie retiniche ereditarie e retina artificiale (Seconda parte, di Andrea Grosso)

- Orbolandia alla riscossa, il gatto e la volpe in città (di Pericle Farris)

- Intervista al dott. Luigi Bauchiero (di Debora Bocchiardo)

- IL DIBATTITO: Ancora il Braille? (di Giovanna Versari e Gino Cromba)

- LETTERATURA: La cecità nell'opera del Pascoli

- PSICOLOGIA: L'educazione fisica per chi non vede o è ipovedente (di Simona Guida e Guido Coraglia)

- STORIA: Juanita Arizona Dranes, la pioniera del Gospel (di Giovanni Tasso)

- ARTE: Il vecchio chitarrista cieco, un capolavoro di Picasso (di Marco Bongi)

- Assemblea generale, ecco i nuovi eletti

- La matita del cuore (di Francesca Berardi)

OCCHI APERTI numero 27

OCCHI APERTI: IN ARRIVO IL NUMERO VENTISEI

E' già scaricabile dal nostro sito internet www.ipovedenti.it il n. 26 della nostra rivista ufficiale "Occhi Aperti". Nei prossimi giorni verrà altresì spedita, nelle case di soci e simpatizzanti, la versione cartacea. In questo numero sono pubblicati, fra gli altri, due interessanti articoli scientifici scritti rispettivamente dall'oculista dott. Andrea Grosso e dalla genetista dott. Beatrice Boschi. Il dibattito è dedicato alle cene al buio e, su questo argomento, si confrontano, come nella nostra tradizione, due sostenitori di tesi opposte: Sonia Allegro e Giovanna Versari. L'intervista è dedicata al dott. Danilo Mazzacane, fondatore del Gruppo Oculisti Ambulatoriali Liberi (GOAL), mentre l'amico musicologo Giovanni Tasso ci parlerà di John Stanley. Accogliamo inoltre con piacere un nuovo collaboratore, il prof. Dario Pasero che ci ha fornito e commentato un'antica poesia piemontese dedicata al cieco mendicante. Allegato alla rivista troverete infine un bustone portadocumenti che potrete utilizzare per raccogliere e conservare le ricevute per le deduzioni alla denuncia dei redditi. Buona lettura.

OCCHI APERTI N.26: ecco i principali articoli pubblicati in questo numero

OCCHI APERTI N.26: ecco i principali articoli pubblicati in questo numero

- UNA NUOVA SEDE PER L’A.P.R.I. , EDITORIALE DI MARCO BONGI;
- ATTUALITA’ E PROSPETTIVE NELLA RICERCA RETINICA, DI DOTT. ANDREA GROSSO;
- DISTROFICHE RETINICHE EREDITARIE, DI DOTT. BEATRICE BOSCHII;
- DIBATTITO: CENA AL BUIO UN SIMULATORE DI CECITA’, DI SONIA ALLEGRO E GIOVANNA VERSARI;
- INTERVISTA SCIENTIFICA: IL DOTT. DANILO MAZZACANE FONDATORE DI “GOAL”;
- PSICOLOGIA: UTILIZZO DEL CORPO E DISABILITA’ VISIVA, DOTT.SSA SIMONA GUIDA;
- MUSICA: JOHN STANLEY, DI GIOVANNI TASSO;
- TRADIZIONE POPOLARE: I CIECHI E LA MENDICITA’, DI DARIO PASERO

OCCHI APERTI numero 26

OCCHI APERTI: IN ARRIVO IL NUMERO VENTICINQUE

E' già scaricabile, sul nostro sito internet www.ipovedenti.it , il n. 25 della rivista associativa "Occhi Aperti". Nei prossimi giorni dovrebbe pertanto giungere nelle vostre case anche l'edizione cartacea. In questo fascicolo sono pubblicati alcuni articoli assai interessanti: una relazione sul recente convegno Telethon di Firenze, un dibattito, con due opinioni a confronto, sulla filosofia che guida lo sviluppo degli ausili, un'intervista all'oculista dott. Francesco Mele dell'Istituto Promea, articoli storici su Sor Capanna e Blind Lemon Jefferson, un intervento psicologico della dott. Simona Guida sul trattamento dei cosiddetti "siblings" e tanti resoconti sulle principali attività portate avanti dal sodalizio.
Chi desiderasse avere copie aggiuntive della rivista può, come sempre, ritirarle presso la sede centrale o le sezioni decentrate.

OCCHI APERTI N.25: ecco i principali articoli pubblicati in questo numero

- SPECIALISTI: INVIATECI I VOSTRI PAZIENTI, EDITORIALE DI MARCO BONGI;
- TERZO SETTORE: ECCO LE NOSTRE RICHIESTE, DI PERICLE FARRIS;
- FIRENZE: TELETHON A FAVORE DI ASSOCIAZIONI E PAZIENTI, DI CLAUDIO PISOTTI;
- GLI AUSILI: LA STRADA E’ TRACCIATA, DI GINO CROMBA;
- NON VERGOGNAMOCI DELLE DIVERSITA’: L’IMPORTANTE E’ IL FINE NON IL MEZZO, DI DAVIDE CERVELLIN;
- INTERVISTA SCIENTIFICA: IL DOTT. FRANCESCO MELE;
- PSICOLOGIA: SUPPORTO AI SIBLINGS, DOTT.SSA SIMONA GUIDA;
- MUSICA: BLIND LEMON JEFFERSON, DI GIOVANNI TASSO;
- STORIA: SOR CAPANNA, IL PADRE DELLO STORNELLO DI MARCO BONGI.

OCCHI APERTI numero 25

ECCO I PREMI "OCCHI APERTI" 2016

Sabato prossimo 17 dicembre si svolgerà, come ormai da tradizione, la Festa di S. Lucia organizzata dalla nostra associazione. Sarà un'ottima occasione per passare una giornata insieme e farci gli auguri di Buon Natale. L'appuntamento è fissato per le ore 11 presso la Chiesa Parrocchiale "Madonna di Fatima" sita in corso Moncalieri 496 a Torino. il luogo è facilmente raggiungibile con la linea di autobus n. 67, che transita, tra l'altro, davanti alla stazione ferroviaria di Porta Nuova. Si dovrà scendere alla fermata "Fioccardo". La S. Messa votiva sarà concelebrata da don Antonio Nora, sacerdote cottolenghino ipovedente e da don Damiano Cavallaro, figlio del nostro socio Chiaffredo Cavallaro. La liturgia sarà altresì solennizzata dalla corale "Ensemble Rosa Mystica".
Ci sposteremo quindi a piedi nel vicino circolo familiare "Fioccardo" in via Oristano 24. Quì saranno consegnati i premi "Occhi Aperti" 2016, si svolgerà il pranzo sociale e proseguiremo con danze e karaoke per tutto il pomeriggio.
Comunichiamo dunque i nomi dei premiati:

- Mario Di Marco, volontario
- Raffaele Mastroianni, volontario
- Alessandro Mondo, giornalista
- Rosa Rita Varallo, dirigente ASL

Ricordiamo, per i ritardatari, che ci sono ancora alcuni posti disponibili per il pranzo. La quota di partecipazione è stata fissata in euro 20 per i soci ed euro 25 per i non soci. Per ulteriori informazioni e prenotazioni telefonare in sede centrale: 011 - 664.86.36, chiedendo di Aurora.
Vi aspettiamo numerosi!

OCCHI APERTI N.24: ecco i principali articoli pubblicati in questo numero

-LA SFIDA DELLE SEDI DECENTRATE, EDITORIALE DI MARCO BONGI;
- DISTROFIE EREDITARIE RETINICHE, SOD DIAGNOSTICA GENETICA OSPEDALE CAREGGI DI FIRENZE;
- APRI E FISH SODALIZIO POSSIBILE? DI PERICLE FARRIS;
- IL DIBATTITO: CANE GUISA SI, GRAZIE- CANE GUIDA SI, MA...DAJANA GIOFFRE’ E MARCO BONGI;
- L’INTERVISTA ALL’OCULISTA DOTT. ANTONELLA CROCE DI MARCO BONGI;
- PSICOLOGIA: FALSA INVALIDITA’, LACUNE CULTURALI E PROBLEMATICHE PSICOLOGICHE DI SIMONA GUIDA;
- CINEMA: IL REGISTA LUCA BRONZI SI RACCONTA AD OCCHI APERTI DI DEBORA BOCCHIARDO;
- STORIA: JACOB VAN EYCK DA GIOVANE PRODIGIO A GENIALE FLAUTISTA DI GIOVANNI TASSO;
- IL PERSONAGGIO: DAVIDE MICHELIN SALOMON.

OCCHI APERTI numero 24

OCCHI APERTI N.23: ecco i principali articoli pubblicati in questo numero

- ENTI LOCALI: ANDARE OLTRE I BUROCRATI, EDITORIALE DI MARCO BONGI;
- IL CONGRESSO SOCIETA’ GENETICA OFTALMOLOGICA FRANCESE, CLAUDIO PISOTTI;
- IL DIBATTITO: INTEGRAZIONE SCOLASTICA SI O NO? (DUE ARTICOLI DI MARCO BONGI E SIMONA VALINOTTI);
- INTERVISTA CON L’OCULISTA DOTTORESSA NADIA TRICERRI;
- L’ATELIER DEL BASTONE BIANCO DI SIMONA GUIDA E SIMONA VALINOTTI;
- LA RECENSIONE MARIE HEURTIN DAL BUIO ALLA LUCE DI AURORA MANDATO;
- STORIA: MARIA THERESIA VON PARADIES DI GIOVANNI TASSO;
- MUSICA: BLIND REVERENDO..PER LE STRADE DI BARCELLONA.

OCCHI APERTI numero 23

OCCHI APERTI: IN ARRIVO IL NUMERO VENTIQUATTRO

Alla fine di questo mese, al ritorno dalle vacanze estive, troverete probabilmente nelle vostre case il nuovo numero della nostra rivista ufficiale "Occhi Aperti". Su questo fascicolo saranno pubblicati alcuni articoli scientifici come una relazione scritta dai genetisti dell'Ospedale Careggi di Firenze, struttura presso la quale stiamo finanziando una borsa di studio insieme agli amici di RP-Liguria, un'intervista all'oculista dott. Antonella Croce e una breve introduzione alla fitoterapia oftalmologica della dott. Flora Abruzzese. In campo culturale prosegue la collaborazione con il musicologo Giovanni Tasso, mentre il regista Luca Bronzi presenta il documentario "Quando l'occhio non fa la sua parte". Il dibattito, costruito su due articoli contrapposti, sarà incentrato sull'alternativa bastone bianco o cane guida. Curioso infine l'articolo sul cantastorie cieco pinerolese David Michelin vissuto nel XVIII secolo. Vi riportiamo, qui di seguito, il testo dell'editoriale che apre il giornale:

Qualcuno a volte si stupisce nel constatare come la nostra associazione prediliga una presenza capillare sul territorio piuttosto che, come forse apparirebbe più logico, concentrare le proprie energie nei grandi centri dove i disabili visivi sono di più e più facilmente raggiungibili. Le delegazioni zonali APRI-onlus infatti sono parecchie e spesso molto attive, non mancano inoltre iniziative della sede centrale organizzate volutamente nei piccoli centri.
Le ragioni che stanno alla base di questa filosofia di azione sono, in realtà, molteplici. Una però le sopravanza tutte e, da sola, potrebbe già rispondere ad ogni obiezione: i ciechi e gli ipovedenti che risiedono fuori dalle grandi città stanno indiscutibilmente peggio, hanno meno servizi, più problemi di spostamento, debbono fare i conti con una cultura ancora incline a nascondere la realtà dell'handicap,, hanno assai meno occasioni di socializzare, insomma..., hanno molto più bisogno di noi.
A ciò aggiungerei che i piccoli comuni spesso soffrono di una minore burocrazia e che, particolare non trascurabile, operando nelle periferie esistenziali, tanto care a Papa Francesco e ad alcuni nuovi sindaci, è assai meno probabile entrare in diretta concorrenza con quelle organizzazioni "storiche", o meglio "preistoriche" che prediligono i grandi palcoscenici ed i centri di potere metropolitani.
Tutto ciò ovviamente costa fatica, ci costringe ad un maggiore dispendio economico, ci porta via tempo per spostamenti e trasferte. E' davvero bello tuttavia, ci si passi l'immagine poetica, avere l'impressione di lavorare per dissodare un deserto e di riuscire, in parecchie occasioni, a far scaturire zampilli d'acqua dove nessuno se li sarebbe attesi.
E allora andiamo avanti su questa strada. le prossime tappe? Per quanto concerne la provincia torinese ci attendiamo risposte dal pinerolese e dall'interland sud (Nichelino, Carmagnola o Moncalieri). Sul resto del Piemonte Alba appare forse la prima in lista d'attesa. Chi ha dunque voglia di "metterci la faccia"... non esiti a contattarci.

Marco Bongi