Benvenuto nel sito ufficiale dell'Associazione Pro Retinopatici ed Ipovedenti

TECNOLOGIA: LO SMARTPHONE ANDROID LG WINE H410

Siamo da tempo alla ricerca di uno Smartphone Android che possa andare a colmare il vuoto lasciato dalla scomparsa delle tastiere fisiche presenti un tempo sui telefoni cellulari utilizzati, oltre che da persone normodotate, anche da non vedenti e ipovedenti supportati da un lettore di schermo.
Sappiamo benissimo che in commercio ci sono gli ottimi iPhone che con il lett ore d schermo VoiceOver, la fanno da padroni in campo di accessibilità degli Smartphone. Questi dispositivi hanno però il difetto di costare tanto quanto valgono e non tutti si possono permettere una tale spesa. In alcuni casi inoltre hanno fin troppe funzionalità rispetto a quelle necessarie ad un pubblico meno esigente, senza considerare il limite psicologico di alcuni utenti ad utilizzare un telefono privo di tastiera fisica.
Ci è sembrato così doveroso testare il prodotto marchiato LG, candidato a tutti gli effetti al ruolo di possibile alternativa ai dispositivi di casa Apple.
Abbiamo parlato più volte dei limiti del sistema Android in campo di accessibilità a causa della limitatezza del lettore di schermo integrato TalkBack. Per fortuna qualcosa si sta muovendo e da qualche tempo è presente sul Play Store, un lettore di schermo alternativo che si chiama Shine Plus. Noi lo troviamo nettamente più veloce, meno macchinoso e più facile da usare.
Per valutare lo Smartphone LG ci siamo avvalsi di questo lettore di schermo in abbinamento con la sintesi vocale Federica della Vocalizer. Segnaliamo che lo Smartphone può essere anche usato con TalkBack, a patto che non lo aggiorniate. Se infatti compiete tale operazione il telefono risulterà poco stabile a causa di un bug nelle nuove versioni del lettore di schermo in abbinamento con tastiere fisiche.
Lo Smartphone LG Wine è dotato di un buon hardware e, considerato che costa in media 140 €, appare abbastanza performante per il fatto di essere provvisto di processore Quad Core da 1.1 Ghz, 1 Gb di ram, 4 Gb di memoria interna (espandibile fino a 32 Gb con Micro Sd) e tastiera t9 fisica.
Il piccolo schermo da 3.2 pollici e la fotocamera da soli 3 Mega Pixel rappresentano invece gli aspetti più critici. Molto carino il design a conchiglia ed i materiali da cui è composto. Buona la durata della batteria, non faticherete ad arrivare a fine giornata. In dotazione sono forniti anche un paio di auricolari stereo molto comodi.
La tastiera fisica, oltre ad avere i classici numeri e lettere nel formato standard, è provvista di un comodo pad con frecce direzionali e tasto invio. Sono altresì presenti i tasti cancella, rispondere e chiudere una chiamata, 4 comodi tasti che avviano altrettante applicazioni in modo rapido e i 3 classici tasti Android per tornare alla home, indietro e per vedere le app aperte.
Abbiamo provato le funzionalità base del telefono come le chiamate, la gestione della rubrica e gli sms senza riscontrare alcun problema, si noti come sia possibile usare sia la tastiera fisica, sia quella touch che compare sullo schermo del telefono. Ad esempio per avviare la dettatura vocale in un campo di testo lo bisogna fare dalla tastiera touch tramite la pressione lunga del tasto in basso a sinistra etichettato come impostazioni. Per accedere invece al pannello delle notifiche si può tenere premuto il tasto asterisco in basso a sinistra sulla tastiera fisica, oppure fare un gesto di trascinamento con due dita dall’alto al basso sullo schermo touch. Per muoversi tra le icone e i vari menù si possono usare le dita con vari gesti sullo schermo oppure usare il pad integrato attraverso le frecce direzionali. Naturalmente tutti questi movimenti cambiano in base al lettore di schermo che state utilizzando. Ci siamo poi un po’ spinti oltre ed abbiamo testato, con successo Gmail, Whats App, Hangout, Bus Torino, Via Opta Nav, Facebook, Google Calendar e Text Fairy OCR.
Grazie ai miglioramenti dell’assistente vocale Google Now abbiamo potuto altresì usare con ottimi risultati il riconoscimento vocale per interagire con esso, potendo così avviare una telefonata o inviare un sms con la sola voce. Google Now si avvia tenendo premuto il tasto home per 2 secondi e pronunciando le parole “OK Google”, da questo momento l’assistente vocale è in ascolto e cercherà di esaudire le nostre richieste. Tale opportunità si rivela utilissima in contesti particolari, come quando ci si trova per la strada con indosso il nostro auricolare e senza mani. Con la sola voce possiamo così interagire con il nostro Smartphone.
In conclusione, Android non ha ancora raggiunto i livelli di Ios della Apple, ma grazie soprattutto a Shine Plus, sta cominciando a risultare usabile. Molte delle cose qui descritte sono presenti anche sugli altri Smartphone che montano Android, con la differenza che qui abbiamo una tastiera fisica. LG Wine ha di sicuro dalla sua il basso costo e la presenza della tastiera fisica, di contro richiede, come tutti gli Smartphone Android, una meticolosa configurazione e un po’ di tempo per apprendere a pieno il funzionamento di tutte le sue componenti.
Pur ricordandoci che nessun lettore di schermo Android supporta nativamente le tastiere fisiche e sono rari i dispositivi che ne integrano una, questo Smartphone rappresenta una valida soluzione che arriva sul mercato colmando un vuoto che si faceva sentire ed il tutto a un prezzo alla portata di tutti.

Per ulteriori informazioni o consulenze personalizzate scrivere alla seguente e-mail: supportotecnico@ipovedenti.it