Benvenuto nel sito ufficiale dell'Associazione Pro Retinopatici ed Ipovedenti

ARCHIVIO

IL BRAILLE NON E' MORTO

Il 21 febbraio si celebra, dal 2007, la Giornata Nazionale del Braille. Questo metodo di lettura e scrittura, oggettivamente poco conosciuto soprattutto in Italia, resta comunque un supporto fondamentale per l'accesso dei disabili visivi alla cultura.
Le cause del suo declino italiano sono molteplici: dalla malriuscita integrazione nella scuola comune, al proverbiale provincialismo italico che si vergogna di mostrare la propria situazione di handicap, dalla scarsa diffusione dei sistemi stenografici all'errata convinzione che il Braille sia poco tecnologico.
Segnaliamo tuttavia alcune recenti iniziative contro tendenza che ovviamente approviamo:

1. Siamo felici di comunicare che è stato inaugurato il più grande
impianto automatizzato di stampa braille in Italia, uno dei 15 più
avanzati realizzati in tutto il mondo. Si trova a Pomezia ed è una
unità in grado di stampare più di 1200 pagine/ora, fascicolare e
rilegare i volumi, approntarli e imbustarli per la spedizione, il tutto
in un processo totalmente automatico. www.handysystems.it

2. Presso la Fondazione Lucia Guderzo è stato attivato il servizio per
la trascrizione/adattamento dei testi scolastici (e non solo) in
collaborazione con la SophiGraphic di Padova (www.sophigraphic.com). Una stamperia in più potrà certamente ampliare quindi l'offerta e la concorrenza sul mercato.

3. Per quanto concerne la stampa di libri per l'infanzia con grafiche in
rilievo, la Cooperativa Punti di Vista realizza libri di fiabe in nero e
in braille, con tavole tattili. Visita il sito