Benvenuto nel sito ufficiale dell'Associazione Pro Retinopatici ed Ipovedenti

ARCHIVIO

TORINO: QUEL SEMAFORO È ROTTO DA LUGLIO

Dopo mesi di sollecitazioni e di mancate risposte da parte dei tecnici comunali la nostra associazione si è decisa a diffondere un comunicato stampa a proposito del semaforo sonoro di corso Inghilterra angolo via Duchessa Jolanda. Il comunicato è stato successivamente ripreso dai quotidiani "La Repubblica" e "Cronaca Qui-Torino". Ve lo riportiamo qui sotto e lasciamo a voi i commenti:
Premessa: Al Palazzo della Provincia di corso Inghilterra vi lavorano, fra centralinisti ed altri impiegati, circa una decina di non vedenti. Costoro ogni giorno si recano normalmente al lavoro, senza contare tutti gli altri passanti disabili visivi che transitano in quella zona.

Antefatto: Il semaforo posto all'incrocio fra corso Inghilterra e via Duchessa Jolanda è dotato, su richiesta del pedone, di segnalazione acustica tesa proprio ad agevolare gli attraversamenti dei disabili visivi.

Peccato che il dispositivo è guasto, non da ieri, ma dal mese di luglio... La nostra associazione APRI-onlus si è ovviamente preoccupata di segnalare con prontezza il problema agli uffici comunali competenti, prima telefonicamente, poi tramite e-mail. Le risposte sono state generiche, fumose: "Faremo... provvederemo... state tranquilli..." ma, a distanza di oltre quattro mesi, nessun intervento è stato posto in essere. Quanto si dovrà ancora aspettare? Forse che ci scappi il morto?

"E' già un'impresa riuscire a capire chi sia il funzionario responsabile" - afferma Marco Bongi, presidente APRI-onlus - "Lo scaricabarile è infatti lo sport più popolare negli uffici pubblici in genere, e Palazzo Civico non fa certo eccezione. Alla fine sembra che il responsabile sia un certo dott. Cianchini, che ovviamente non si fa mai trovare e che comunque non è ancora intervenuto".

Forse solo gli organi d'informazione potranno dunque avere la forza di smuovere qualcuno. Così almeno speriamo ma, visto che abbiamo atteso, da bravi cittadini, tutto questo tempo, non ci dicano poi che siamo polemici, arrabbiati col mondo e poco dialoganti!